Perché, quando e come riseminare la tua tartufaia?

Inoculo e risemina del tartufo: Come procedere?

Una volta che il periodo di cavatura del tartufo è finito, è il momento di riseminare le parcelle di tartufo. Questa tecnica consiste nel (ri)stimolare la vita miceliare intorno alle piante di tartufo aggiungendo un inoculo. Quando, come e per quale scopo? Questo è ciò che vedremo insieme in questo focus dedicato alla risemina dei terreni tartufigeni con l'aggiunta di inoculo.

Quando, come e perché riseminare i terreni da tartufo?

An addition of inoculum ensures the sustainability of the mycorrhization of truffle plantsNella coltivazione del tartufo, come in qualsiasi altra cultura, nulla è mai dato per scontato. Non appena un raccolto è finito, è necessario preparare il prossimo. Per mettere tutte le possibilità dalla propria parte, e per assicurarsi una buona resa, tanto vale fare tutto il possibile per favorire la comparsa e lo sviluppo di nuovi tartufi nel frutteto. Questo è precisamente l'interesse e la pertinenza della risemina dei tartufi !

La risemina consiste nel modificare il suolo di una tartufaia con spore di tartufo. Per germinazione, queste spore accelereranno lo sviluppo del micelio e aumenteranno così il livello di micorrizazione. Questa operazione mira a diversi obiettivi concomitanti :

  1. migliorare il rendimento degli alberi produttori,
  2. massimizzare il potenziale di produzione di ogni albero,
  3. avere un'influenza positiva sugli alberi sterili.

➽ Perché seminare la vostra tartufaia?

La risemina con l'aggiunta di spore contribuisce allo sviluppo delle micorrize delle piante di tartufo e del loro apparato radicale. Non si tratta di concimare o addirittura di spargere del fertilizzante per rendere fertile un terreno povero. Si tratta piuttosto di ricreare le condizioni specifiche per lo sviluppo del micelio, un prerequisito essenziale per la formazione dei giovani tartufi. Molto più di una lavorazione del terreno, la risemina è dunque un'operazione che assicura la perpetuazione delle micorrize e la fruttificazione di una piantagione di tartufi. Provoca la simbiosi necessaria tra le piante produttrici (querce, noccioli, pini, tigli...) e i tartufi.

➽ Quando riseminare le tartufaie ?

La risemina delle tartufaie con l'aggiunta di inoculo avviene una volta che il periodo di cavage è finito e il terreno è stato lavorato (all'inizio della primavera, dopo le ultime gelate). Da notare però che la risemina non si fa solo sulle tartufaie già in produzione. E' del tutto possibile (e raccomandato) procedere con le prime immissioni di spore vicino alle giovani piante piantate solo 3 o 4 anni fa. Questa risemina "pre-produzione" faciliterà e attiverà l'entrata in produzione delle giovani piante di tartufo. In entrambi i casi, bisogna fare attenzione ad utilizzare solo inoculi controllati.

➽ Come riseminare una terra da tartufo ?

Ci sono diversi modi per riseminare una tartufaia (tutti sono dettagliati più avanti in questa pagina). Essi consistono nel portare al suolo un surplus di spore di tartufo, nelle immediate vicinanze delle radici delle piante di tartufo, nelle zone bruciate. Ci si può affidare a prodotti pronti all'uso o realizzare una propria ricetta di inoculo arricchita con frammenti di tartufo. In entrambi i casi, occorre prestare particolare cura e attenzione alla composizione e alla qualità dei substrati utilizzati.

Consigli nella scelta di un inoculo di tartufo

Occorre prestare particolare attenzione alla composizione e alla qualità dell'inoculo del tartufoSe l'aggiunta di substrati arricchiti con spore di tartufo sembra essere un'ottima idea, la sua attuazione può, in alcuni casi, essere controproducente. Infatti, è importante tenere presente che l'aggiunta di inoculo (o di qualsiasi altra materia organica) disturberà il terreno della vostra tartufaia. È quindi essenziale rispettare alcune semplici regole prima di procedere a qualsiasi aggiunta di inoculo intorno alle vostre piante di tartufo.

Ecco le nostre raccomandazioni :

  • non usare il primo substrato o terriccio che arriva (anche se è etichettato "tartufo"). Scegliete solo inoculi di tartufo controllati (la cui natura, origine, qualità e maturità delle spore sono state controllate). Questo è essenziale per evitare di contaminare la vostra tartufaia con spore di tartufo indesiderate !
  • fate attenzione alla densità delle spore nell'inoculo (se questo non è menzionato, non preoccupatevi!)
  • assicuratevi che il vostro inoculo contenga un solo tipo di spore (Tuber melanosporum, Tuber uncinatum o Tuber magnatum) e che corrisponda alla vostra tartufaia.
  • assicurarsi che l'inoculo scelto sia "sterilizzato" (per evitare di disturbare funghi e altri parassiti)
  • verificare che l'origine, la qualità e la maturità dei tartufi utilizzati nella preparazione dell'inoculo siano garantiti da un'organizzazione seria e riconosciuta nel settore del tartufo (INRAE, CTIFL...)

➽ L'inoculo di tartufo Robin e le sue varianti

I Vivai ROBIN offrono una gamma di inoculi controllati. I nostri inoculi di tartufo sono composti da vermiculite arricchita di spore di tartufo accuratamente selezionate e controllate due volte: 1° controllo al microscopio e 2° controllo mediante analisi biomolecolare effettuata dall'INRAE. Questo doppio controllo garantisce uno sviluppo ottimale dei vostri tartufi. Questo substrato specifico per la coltivazione del tartufo è pronto all'uso. Favorisce la micorrizazione e la fruttificazione del tartufo. Il nostro inoculo è offerto in sacchetti da 5 litri contenenti un'alta concentrazione di spore di Tuber melanosporum, Tuber magnatum o Tuber aestivum var. uncinatum.

Come riseminare una tartufaia ?

La risemina consiste nel portare al suolo un surplus di spore di tartufoIl modo migliore per aumentare la vita micellare intorno alle vostre piante di tartufo (e per favorire lo sviluppo di nuovi tartufi) è di aumentare la densità delle spore di tartufo presenti nel vostro terreno. Per fare questo, avete due opzioni :

  • non scavare tutti i vostri tartufi e lasciare una parte del vostro raccolto nel terreno.
  • aggiungere spore di tartufo al vostro frutteto (utilizzando un inoculo specifico controllato di tartufo).

È questo apporto di spore di tartufo che viene comunemente chiamato "risemina". Consiste nel migliorare il vostro terreno con l'aggiunta di diaspri che in un certo senso rimetteranno in circolo il terreno. Questo arricchimento può essere fatto in diversi modi e ogni tartufaio mette a punto il suo anno dopo anno. Alcuni fanno il loro substrato (con il rischio di contaminare le loro tartufaie con tartufi di specie indesiderate, perché troppo spesso i tartufi utilizzati non sono rigorosamente controllati) mentre i più numerosi fanno ricorso a inoculi controllati "pronti all'uso".

Una volta fatta la scelta dell'inoculo, il passo successivo è quello di incorporarlo nel terreno. Anche qui, diverse tecniche si contendono il favore dei tartuficoltori. Alcuni optano per un apporto diffuso, mentre altri preferiscono la pratica delle "trappole per tartufi" (o "nidi di tartufi").

➽ Risemina diffusa

Questa tecnica consiste nello spargere l'inoculo di tartufo su tutta la superficie dell'area bruciata, in ragione di 2,5 litri per albero. Viene poi interrato a 15-20 cm di profondità con un attrezzo o un rotovatore. 

➽ Risemina con trappole per tartufi

Questa tecnica consiste nel puntare la fornitura di spore su 3 o 4 buche precedentemente scavate (con una vanga o una trivella) intorno alla pianta di tartufo (ad una distanza di circa 40-50 centimetri dal tronco a seconda delle dimensioni dell'albero). Ogni buca, di 20-25 cm di diametro e 25-30 cm di profondità, riceve poi una grossa manciata di inoculo prima di essere riempita con una miscela di terra + inoculo.

➽ Risemina in solchi

Una terza tecnica consiste nello scavare dei solchi profondi da 5 a 15 cm vicino alle piante di tartufo (ad una distanza da 50 a 80 cm dal tronco). L'inoculo viene poi versato in questi solchi prima di riempirli. 

Qualunque sia la tecnica di risemina utilizzata, si raccomanda vivamente di irrigare immediatamente dopo l'aggiunta dell'inoculo per aspersione o micro-irrigazione.

Qual è l'effetto della risemina (o sovrasemina) ?

L'interesse principale della risemina per trappole per tartufi o per solchi risiede nell'inoculazione che genera sull'apparato radicale. Infatti, durante la realizzazione dei nidi o dei solchi, le radici e le radichette vengono tagliate. Questo porta naturalmente alla ricrescita di numerosi apici radicali che cresceranno progressivamente a contatto con le spore contenute nell'inoculo. Questo fenomeno induce una sorta di sovramicorizzazione.

Se l'inoculo utilizzato è di buona qualità, e se le condizioni sono soddisfatte (flessibilità del suolo, umidità...) allora questa risemina darà vita a nuovi tartufi, in generale nei due anni che seguono l'applicazione. Se questo principio funziona per tutte le varietà di tartufi (tartufo nero del Périgord, tartufo bianco d'Italia, tartufo di Borgogna...), il suo effetto svanisce dopo qualche anno. È quindi saggio scavare una nuova serie di trappole per tartufi ogni 3 o 4 anni, allontanandole gradualmente dal tronco man mano che l'albero cresce.

Questioni e risposte sulla risemina del tartufo

L'apporto di inoculo (diffuso o tramite trappole per tartufi) deve essere fatto all'inizio della primavera dopo aver terminato i lavori del terreno. L'operazione può essere ripetuta durante il periodo di cavatura incorporando una manciata di inoculo nel sito del tartufo raccolto.

Un sacchetto da 5 litri di inoculo può essere utilizzato per creare 15-20 trappole per tartufi (cioè 4 trappole intorno a 3 o 4 piante da tartufo).

Oltre all'irrigazione subito dopo l'aggiunta dell'inoculo, è necessario irrigare regolarmente il terreno da maggio a settembre, secondo le condizioni climatiche.

I risultati delle trappole per tartufi o della risemina diffusa sono generalmente efficaci solo 2 anni dopo l'aggiunta dell'inoculo.

Per essere efficace, un inoculo di tartufo deve contenere almeno 10 milioni di spore di tartufo per litro. Per fare un confronto, 1 grammo di tartufo contiene da 1 a 2 milioni di spore.

L'inoculo può essere conservato per 10 giorni dopo il ricevimento a temperatura ambiente. Dopo questo periodo, si raccomanda di conservarlo in una stanza fresca o in frigorifero.

Per trovare l'inoculo di tartufo che darà impulso alla vostra tartufaia, rivolgetevi ai negozi specializzati (online o nei vivai). Evitate i terricci e gli altri substrati esotici la cui composizione è più che incerta e il cui utilizzo potrebbe portare alla colonizzazione della vostra tartufaia da parte di tartufi invasivi e non commestibili come il tartufo brumella...

ROBIN propone una gamma completa di inoculo per tartufi la cui qualità è controllata dall'INRA. Conta circa 22 a 25 € il sacchetto di 5 litri (prezzo decrescente secondo la quantità ordinata)