Guida pratica per fungicoltori: come ottenere il successo della vostra fungaia?

Come creare un frutteto di funghi con successo ?

Specialisti nella micorrizazione applicata alla tartuficoltura e alla fungicoltura, i Vivai ROBIN si offrono di accompagnarvi, passo dopo passo, nella creazione della vostra fungaia. Dalla scelta delle piante, alla selezione dell'appezzamento, al metodo di impianto, alla manutenzione e alla potatura dei funghi... fino alla raccolta del vostro primo boleto giallo o dell'alcea, trovate tutti i nostri consigli in questa guida pratica alla fungicoltura in piena terra. Contiene tutto ciò che è necessario sapere per piantare con successo una coltura fungina! Oltre a questa guida, i nostri team sono a disposizione per consigliarvi in ogni fase della creazione della vostra fungaia e ottenere così la migliore resa.

Una rapida panoramica sulla coltivazione dei funghi commestibili

I funghi fanno parte della nostra alimentazione da moltissimo tempo, sia per il loro interesse culinario che per i loro benefici medicinali. La coltivazione dei funghi commestibili (fungicoltura o micologia) ha continuato a evolversi e a progredire nel corso dei decenni. Ancora oggi vengono utilizzate diverse tecniche di produzione per cercare di riprodurre le condizioni di vita naturali di alcuni funghi. All'aria aperta (su tronchi di legno, su ceppi o seminando spore) o al riparo dalla luce (in cave sotterranee, fungaie e cantine con la cosiddetta tecnica "a strati"), queste diverse tecniche consentono oggi di produrre shiitake, funghi bottonosi, funghi ostrica, piedi blu e altre strofinie.

La coltivazione dei funghi senza suolo sta facendo progressi costanti grazie alla micorrizazione delle piante ospitiAl giorno d'oggi, la produzione industriale o familiare di funghi è in costante sviluppo e le tecniche di coltivazione fanno ormai largo uso di biotecnologie e di processi di coltivazione senza suolo. Questa osservazione ci porta a sottolineare l'elevata tecnicità della moderna coltivazione dei funghi.

Esistono due famiglie di funghi coltivabili :
- Specie saprofite che crescono sulla materia organica formata da piante morte (compost, legno, corteccia, paglia, ecc.). Il principio di base della coltivazione è quindi quello di creare un terreno nutritivo produttivo con cui ottenere il ciclo completo del fungo nel più breve tempo possibile, in una stanza a clima controllato.
- Le specie micorriziche che vivono e crescono vivono in stretta associazione con le radici di alcuni alberi. Questa associazione si chiama simbiosi: il fungo riceve la maggior parte dell'energia dall'albero e gli fornisce elementi minerali (fosforo, azoto, ecc.). La coltivazione richiede quindi che questa associazione venga effettuata in condizioni controllate, seguita da un allevamento "in campo" del sistema simbiotico.

I progressi della micologia hanno permesso di coltivare regolarmente nuove specie, cosicché la fungicoltura si sta gradualmente orientando verso varietà di qualità, come i boleti gialli o i cappucci di latte. Molte specie di funghi micorrizici possono ora essere coltivate all'aperto !

Per saperne di più sulla coltivazione dei funghi

Requisiti e fattori di successo per un frutteto di funghi commestibili

Mentre la sfida principale in una fungaia è quella di stabilizzare il substrato, la temperatura ambientale e l'umidità, la coltivazione di funghi micorrizici commestibili è soggetta ad altri vincoli. Per favorire lo sviluppo dei funghi in un frutteto devono essere soddisfatte diverse condizioni :

  • la posizione geografica e le condizioni climatiche che ne derivano influenzano necessariamente la resa di una fungaia (i periodi di gelo, il vento, l'accumulo di pioggia sono tutti fattori da tenere in considerazione)
  • la coltura precedente (e la possibile concorrenza di altri funghi micorrizici) hanno anche un'influenza diretta sul successo di un progetto di impianto micologico.

Oltre a questi criteri geografici, climatici e culturali, è necessario prendere in considerazione altri fattori per avere le migliori possibilità di successo nell'impianto di una fungaia. I fungicoltori professionisti concordano sul fatto che 5 fattori fondamentali determinano il successo e la sostenibilità di un progetto di coltivazione di funghi commestibili all'aperto :

  1. La qualità delle piante micorriziche
  2. La qualità del terreno (l'idoneità del terreno alla fungicoltura, le sue qualità fisiche e chimiche, ecc.)
  3. Il metodo di impianto (preparazione del terreno, protezione delle piante, ecc.)
  4. La possibilità di irrigare il frutteto di funghi
  5. La manutenzione della piantagione nel tempo
Crutiale !
La scelta delle piante da fungo, le caratteristiche del terreno, il metodo di impianto, l'irrigazione e la manutenzione della piantagione sono i 5 fattori fondamentali per il successo di una fungaia.

1. Scegliere le piante da fungo: attenzione alla qualità delle piante micorriziche

Scegliere una pianta di funghi Robin è la garanzia di optare per un impianto la cui qualità è certificataIn generale, scegliete specie arboree già naturalmente presenti nella vostra zona. Fate un inventario delle conifere già presenti nei boschi e nelle foreste vicine ai vostri appezzamenti. Mentre il pino silvestre (Pinus sylvestris) e il pino marittimo (Pinus pinaster) rimangono la scelta migliore per la coltivazione di funghi micorrizici, altre specie di pino sono adatte alla produzione di funghi commestibili: il pino nero austriaco o il pino ad ombrello.

Dopo aver scelto le specie che si acclimatano più facilmente nel vostro territorio, non trascurate la qualità delle piante che comporranno il vostro frutteto. Scegliete piante con micorrizazione certificata e prodotte secondo metodi rigorosi. Per aumentare le probabilità di successo, scegliete piante con un tasso di recupero vicino al 100% (questo vi risparmierà molte delusioni qualche mese dopo la messa a dimora).

Per le piante di funghi, è possibile scegliere tra piante giovani coltivate in tazze da 0,430 L o 0,6 L. Tenete presente che scegliendo piante allevate in un secchio di volume maggiore, si riduce il tasso di insuccesso dopo la semina (una pianta allevata in un secchio da 0,6 L avrà un apparato radicale più sviluppato rispetto a quello di un secchio da 0,430 L, quindi la sua capacità di recupero e sviluppo dopo la semina sarà maggiore).

Le piante micorriziche ROBIN® sono riconosciute come le migliori nel mondo della micologia e sono le uniche che combinano un metodo di produzione INRAE autorizzato e controllato con la certificazione ambientale MPS A. La ciliegina sulla torta è che le piante di funghi ROBIN hanno una garanzia di recupero !

Scoprite la gamma di piante da fungo ROBIN

2. Clima e topografia favorevoli all'insediamento di una fungaia

La posizione geografica e il clima sono fattori molto importanti per il successo di una piantagione di funghi. Anche se avete scelto le migliori piante micorrizate, se vengono piantate in un'area in cui il clima è sfavorevole allo sviluppo dei funghi, il vostro progetto è in pericolo e i vostri futuri raccolti saranno compromessi... Prima di avviare un progetto di fungicoltura, è quindi necessario assicurarsi che la posizione geografica (altitudine, orientamento, topografia, ecc.) e il relativo clima siano compatibili con la coltivazione di almeno una varietà di funghi commestibili.

    

Clima ideale per la fungicoltura

In generale, la coltivazione di funghi commestibili in piena terra richiede un clima temperato. Richiede un'alternanza di stagioni sufficiente, ma non eccessiva, durante la quale le precipitazioni, la temperatura e l'insolazione siano distribuite in modo uniforme.

Altitudine preferita per boleti, sanguinelli e rositi

A seconda delle condizioni locali, i boleti gialli, sanguinelli e rositi possono crescere fino a 1300 o 1400 metri, ma la stragrande maggioranza delle fungaie si trova generalmente ad altitudini inferiori, tra i 500 e i 900 metri circa. Tenete presente che più si sale, più aumentano i fattori sfavorevoli per i funghi (rischio di periodi di gelo troppo lunghi, maggiori precipitazioni nevose, ecc.).

Topografia di convenienza per boleti e Lactarrius

Il terreno ottimale per il Lactarius sanguifluus è un terreno calcareo. D'altra parte, Lactarius deliciosus crescono in terreni leggermente acidi o neutri. Il loro optimum si trova a livelli di pH prossimi alla neutralità.
Anche le precipitazioni sono un fattore importante da considerare, poiché i funghi sono sensibili ai livelli di umidità. L'elevata umidità naturale è un criterio facoltativo, ma aumenta notevolmente le possibilità di successo.
Il sito scelto deve avere un buon drenaggio: non deve essere soggetto ad accumuli di acqua superficiale in primavera o durante le forti piogge.

Orientamento perfetto di una fungaia

Un sito ideale ha una buona copertura della chioma, cioè una copertura del 75-90%, per proteggere le colture dalla siccità causata dalla luce solare diretta. Il popolamento forestale sarà idealmente dominato da conifere.

3. Valutare l'idoneità del terreno per la coltivazione dei funghi

Le proprietà del terreno (qualità fisiche e chimiche) determinano la sua idoneità alla produzione di funghi commestibili. La struttura, il pH, il contenuto di materia organica e la capacità di drenaggio sono tutte caratteristiche che confermano se il vostro terreno è adatto a un frutteto di funghi. Questa analisi vi guiderà sia sulle specie ospiti delle piante da fungo da considerare, sia sulla varietà di funghi più promettente in base alla tipologia del vostro terreno.

L'importanza dell'analisi del suolo

L'analisi del suolo rimane un passo preliminare essenziale per qualsiasi progetto di fungaia.Quando si sceglie un appezzamento di terreno per una futura piantagione di funghi, è essenziale effettuare un'analisi del terreno. Lo scopo di questa analisi è quello di determinare la specie: ospite (albero) e soprattutto funghi più adatti al vostro terreno. Sono funzione delle caratteristiche fisiche e chimiche del terreno, in particolare dell'acidità (pH), del contenuto di calcio e della materia organica.

Si consiglia di effettuare un'analisi fisico-chimica del terreno prima di piantare qualsiasi pianta di Fungo. In base ai risultati di questa analisi e alla descrizione delle condizioni del sito, possiamo consigliarvi la specie di fungo e l'albero ospite più adatti alla vostra situazione.

Scoprite come viene effettuata l'analisi del suolo

Ogni fungo commestibile ha il suo terreno preferito

Il boletus giallo : Suillus luteus è indifferente al pH del terreno e si trova sia in terreni sabbiosi acidi che in substrati calcarei.

Lattari : Lactarrius deliciosus e Lactarius sanguifluus crescono generalmente in terreni acidi, ma possono essere trovati anche in terreni calcarei.

Attenzione alle colture precedenti

È noto che le brughiere o i prati, in particolare l'erba medica e la lupinella, preparano il frutteto micologico. Queste piante non ospitano funghi ectomicorrizici, il che limita notevolmente il potenziale di micorrize competitive da parte di boleti e altre muffe. D'altra parte, non è consigliabile installare una fungaia su una radura recente (meno di 5 anni). Questo perché c'è un alto rischio di contaminazione delle giovani piante da parte dei ceppi micorrizici naturalmente presenti sugli alberi esistenti, che finiranno per ridurre le possibilità di produrre funghi commestibili. Per le stesse ragioni non è consigliabile piantare in mezzo a un bosco o nelle vicinanze.

4. Piantare frutteti di funghi: come procedere ?

Gli alberi micorrizici con vocazione micologica di solito iniziano a produrre funghi da 3 a 4 anni dopo l'impianto. A condizione, ovviamente, che siano piantati correttamente e protetti efficacemente da roditori e selvaggina.

Preparazione del terreno

Se il terreno lo consente, la preparazione ideale consiste nell'aratura del terreno a una profondità di 25-30 cm. Si noti che nella maggior parte delle aree mediterranee, per preparare il terreno alla piantagione è indispensabile una ripuntatura a 60/80 cm di profondità. Se la superficie o la configurazione del terreno non consentono l'aratura, il terreno deve essere lavorato in vasi di 1 m di lato e 30 cm di profondità.
Se il terreno è molto sassoso, rimuovete grandi blocchi per creare un volume di terreno sciolto di circa 50 litri. Questo metodo è particolarmente adatto per piantare piccole aree.

Va notato che non è consigliabile piantare le PIANTE DI CHAMPIGNON® se il terreno è alberato, perché anche se si tagliano gli alberi e si rimuove il maggior numero possibile di radici, il rischio di contaminazione delle giovani piante micorriziche da parte dei ceppi micorrizici presenti sugli alberi esistenti è troppo elevato e i risultati di produzione potrebbero essere seriamente compromessi.

Conservazione e preparazione delle piantine di funghi

Appena ricevute le piante, mettetele in posizione verticale e innaffiatele se necessario. Prima della messa a dimora, conservatele preferibilmente all'esterno su terreno pulito (non conservatele direttamente sul terreno), al riparo dal gelo, dal vento e dalla luce.

Piantare le piante di funghi

Installare la zolla senza romperla, avendo cura di coprirla con 2-3 cm di terreno. 
Per quanto riguarda la distanza e la densità di impianto, le piante possono essere installate ogni 3m x 3m (1100 piante per ettaro) e fino a 4m x 4m (625 piante per ettaro).

Pacciamatura

Una volta posizionate le piante, si può procedere alla pacciamatura. La pacciamatura con una lastra di sughero agglomerato biodegradabile al 100% (lastra ROBIN HPK), del diametro di 70 cm, eviterà il diserbo e manterrà umide le giovani piante per i primi 2 o 3 anni, il che è fondamentale per le successive prestazioni della piantagione.

Protezione delle giovani piante di funghi

Una guaina frangivento proteggerà le vostre giovani piante dalla selvaggina (guaina da 60 cm per la protezione dai conigli e da 120 cm contro i cervi).

5. Manutenzione di una fungaia: cosa bisogna fare ?

Una volta che le piante di tartufo sono state accuratamente piantate, pacciamate e protette, la manutenzione si limita a una lavorazione superficiale del terreno per eliminare la vegetazione concorrente. Va notato che la pacciamatura individuale elimina la necessità di manutenzione ai piedi delle piante e limita quindi il rischio di lesioni alla pianta. Di preferenza, si deve utilizzare una lastra di sughero rotonda con un diametro di 70 cm, biodegradabile al 100%.

6. Quando e come raccogliere i funghi dal vostro frutteto ?

La ricompensa per il duro lavoro: la raccolta di funghi dal vostro frutteto☙ Raccolta di lattari : li lattari fruttificano in autunno, quando la temperatura notturna inizia a scendere tra i 5 e i 10°C in concomitanza con l'arrivo delle prime piogge, necessarie per indurre la fruttificazione..

☙ Raccolta del boleto giallo : il periodo di fruttificazione del boleto giallo va dall'inizio dell'estate al tardo autunno. Sebbene il periodo di raccolta inizi solitamente dopo le prime forti piogge estive, può variare da regione a regione a seconda delle condizioni climatiche. La raccolta del porcino giallo avviene da metà luglio agli ultimi giorni di novembre..

7. Rendimento e redditività di un frutteto di funghi

La coltivazione di funghi può essere un investimento redditizio, sostenibile e rispettoso dell'ambiente. Una scelta interessante per una buona gestione del patrimonio.

☙ Resa delle piante di funghi ROBIN® micorrizate con Lactarrius : la produzione di lattari inizia generalmente 4 anni dopo la semina. La produzione media di funghi per pianta è di circa 400 g (cioè 170-450 kg per ettaro all'anno, a seconda della densità di impianto).

☙ Produttività delle piante di fungo ROBIN micorrizate con Suillus Luteus : la produzione di boleti gialli può iniziare a partire dal 3° anno dopo l'impianto e il raccolto medio per pianta varia tra 1,7 kg e 3 kg a seconda della densità di impianto (cioè da 1 a 3 tonnellate per ettaro all'anno).

10 domande/risposte sulla coltivazione dei funghi

La regola d'oro è copiare la natura. Infatti, vi consigliamo di scegliere una specie arborea adatta alla vostra regione, cioè una specie che cresce naturalmente nella vostra area geografica e soprattutto di evitare di scegliere una specie che non sia naturalmente presente nelle vicinanze della futura piantagione.

Le piante di funghi ROBIN® sono prodotte in secchi ANTI-CHIGNON® di 3 diversi volumi (da 0,4 a 1,5 litri). In un calice più grande, lo sviluppo delle radici sarà più importante, così come il numero di apici radicali. Anche il numero di spore sarà maggiore e la pianta stessa si svilupperà in proporzione al volume della tazza. Una pianta micologica ROBIN® allevata in un volume di tazza maggiore avrà quindi un potenziale migliore.

Offriamo tre specie di funghi commestibili coltivabili. La scelta della varietà di funghi più adatta al vostro progetto deve essere fatta in base alle caratteristiche del vostro terreno e alle condizioni climatiche della vostra regione.

No, questo non è consigliato! Ogni specie di fungo commestibile ha i propri requisiti e i terreni favorevoli a una specie (ad esempio, il Suillus luteus) non sono necessariamente favorevoli ai lattari. Se volete piantare piante micorrizate con specie diverse di funghi, dovete mantenere una distanza minima di 15-20 metri tra le due piantagioni.

Le piante possono essere conservate per diversi giorni o addirittura settimane prima di essere piantate, poiché vengono consegnate nella loro tazza ROBIN ANTI-CHIGNON®, che preserva la freschezza dell'apparato radicale. Tuttavia, è necessario adottare alcune precauzioni: In attesa della messa a dimora, annaffiatele regolarmente ogni 2-3 giorni e tenetele all'esterno, al riparo dal gelo e dal vento.

Sconsigliamo formalmente di mettere a dimora giovani piante micorrizate con boleti o lattari in un bosco già esistente; le radici delle giovani piante avranno un altissimo rischio di essere colonizzate dalle micorrize già insediate sulle radici degli alberi che compongono il vostro bosco e ostacoleranno lo sviluppo delle micorrize dei funghi presenti sulle giovani piante che avrete messo a dimora; se volete piantare una fungaia, dovete farlo su un terreno dove non ci sono alberi ectomicorrizici.

La manutenzione della piantagione di funghi si limita a una lavorazione superficiale del terreno, per eliminare la vegetazione concorrente intorno alle piante.

Non consigliamo di aggiungere materia organica, pacciame o altri materiali senza un'analisi del terreno. Solo questa analisi può rivelare eventuali carenze da coprire per "riequilibrare" la vostra fungaia.

Le piante di funghi possono essere trovate e acquistate in vivai specializzati come ROBIN Nurseries. Se abitate vicino ai nostri punti vendita (reparti 04 e 05), non esitate a venirci a trovare, potrete beneficiare di preziosi consigli prima di iniziare. Altrimenti, potete acquistare le vostre piante di funghi direttamente online, tramite questo sito. Saranno consegnati a casa vostra !