Che cos'è la micorrizazione ? Qual è il suo interesse e come viene attuato ?

Che cos'è la micorrizazione controllata ?

Nella tartuficoltura (come nella fungicoltura o micologia), la micorrizazione è in cima alla lista dei concetti importanti da comprendere. È infatti grazie al processo di micorrizazione che oggi è possibile coltivare tartufi o funghi da piante forestali (quercia, nocciolo, cedro, pino o addirittura tiglio). Ma cos'è esattamente questa misteriosa micorrizazione? Cosa c'è dietro questa tecnica? Come funziona e quali sono i principali vantaggi? Questo è ciò che vedremo insieme in questa guida esplicativa alla micorrizazione controllata.

Che cos'è esattamente la micorrizazione ?

La micorrizazione è un'alleanza vincente tra la pianta e i ceppi fungini (funghi)La micorrizazione consiste nel far incontrare le radici di una pianta (generalmente un albero) con ceppi di funghi precedentemente selezionati. Lo scopo di questo "matrimonio" è quello di generare una simbiosi tra la pianta e i funghi. I primi beneficeranno dei nutrienti indotti dalla presenza del fungo (azoto o fosforo, ad esempio), mentre i secondi si nutriranno degli zuccheri prodotti dalla fotosintesi dell'albero o della pianta.

Come si può notare, la micorrizazione è un'"alleanza" vantaggiosa per tutti tra una pianta e i ceppi fungini (funghi). L'incontro tra questo fungo (dal greco mukês) e una radice (rhiza) dell'albero dà origine alla cosiddetta micorriza. Oltre a favorire lo scambio di nutrienti, la micorriza offre alla pianta una maggiore protezione contro il possibile inquinamento del suolo. Il fungo è in grado di filtrare gli agenti inquinanti, proteggendo così le radici circostanti.

Perché usare la micorrizazione ?

Come spiegato in precedenza, la micorrizazione consente di aumentare l'apporto nutritivo di una pianta o di un albero senza ricorrere a fertilizzanti chimici. Inoltre, offre un vero e proprio baluardo contro gli effetti nocivi dell'inquinamento del suolo sulle piante.
Questa tecnica di simbiosi organizzata consente di migliorare le prestazioni (recupero e crescita) delle giovani piante utilizzate per la piantagione. Sia per il rimboschimento che per la rivegetazione di terreni particolarmente poveri o difficili (aree industriali dismesse, aree devastate da incendi, ecc.), l'uso di piantine micorriziche fornisce risultati molto migliori rispetto alle piantine forestali tradizionali.

Sebbene l'associazione indotta dalla micorriza si verifichi naturalmente in alcune specie come la betulla e il pino, questo processo viene sempre più spesso ricreato "artificialmente" dai professionisti. Infatti, promuovendo la micorriza, gli arboristi possono ridurre significativamente l'uso di fertilizzanti chimici, favorendo la biodiversità e limitando i costi di trattamento.

In concreto, come funziona la micorrizazione controllata ?

Les différentes étapes de la mycorhization contrôlée d'un plant truffierL'obiettivo della micorrizazione è riprodurre al meglio ciò che la natura stessa genera, ossia avviare e facilitare la simbiosi tra le radici di una giovane pianta e i funghi.

A tal fine, il fungo o il tartufo viene inoculato in una pianta giovane (la giovinezza è la garanzia che non sia già in simbiosi con un altro fungo).

Sulla carta, questa operazione sembra facile, ma richiede diversi passaggi preliminari :

  • l'isolamento dei ceppi di funghi o tartufi
  • la selezione dei ceppi più performanti
    (si conservano solo tartufi maturi)
  • la loro coltivazione per produrre l'inoculo
    (il campione che in seguito inoculerà le piante)

In questa fase non c'è nulla di certo e occorre effettuare un primo controllo di qualità per garantire la vitalità dell'inoculo ottenuto. Se questo controllo conferma la durata dell'inoculo micorrizico, si procede all'inoculazione delle giovani piante nel vivaio. Nei mesi successivi all'inoculazione, le piante vengono regolarmente monitorate e controllate per garantire che la micorrizazione sia efficace e che si evolva positivamente. A tal fine, si osserva in laboratorio il micelio che si sviluppa naturalmente intorno alle spore del fungo. Questo micelio :

  • si innestano direttamente nelle cellule dell'apparato radicale della pianta (si parla di endomicorriza),
  • formano una sorta di manicotto intorno all'apparato radicale della pianta (si parla di ectomicorriza).

Al termine di questo processo, il risultato è una piantina micorrizata pronta per essere piantata.

Endomicorriza vs ectomicorriza, quali sono le differenze tra le due ?

Esistono diversi tipi di micorrize, ma il nostro lavoro si concentra sulle endomicorrize e sulle ectomicorrize, le cui caratteristiche e differenze sono le seguenti :

  • Le ectomicorrize interessano solo il 3-5% delle specie vegetali terrestri, ma hanno una notevole importanza forestale. Le ectomicorrize sono interessanti per :
    - la produzione di funghi commestibili (cappuccia di latte, porcini, amanite, galletto, tartufo nero del Périgord, tartufo di Borgogna, tartufo bianco estivo o tartufo bianco italiano).
    - l'ambiente forestale applicandosi ad un'ampia gamma di ospiti di conifere o latifoglie: Pino (Pinus), Abete rosso (Picea), Abete (Abies), Quercia (Quercus), Nocciolo (Corylus), Castagno (Castanea), Tiglio (Tilia), Pioppo (Populus), Cedro (Cedrus)…
       
  • Dal canto loro, le endomicorrize rappresentano la forma di simbiosi più diffusa, poiché colonizzano oltre il 90% delle piante terrestri. Sono particolarmente comuni nelle specie ornamentali e da frutto, ma sono anche associate a specie forestali come Frassino (Fraxinus), Acero (Acer), Noce (Juglans) e Prunus.

Quali sono i vantaggi della micorrizazione controllata ?

Les principaux interets de la mycorhization contrôléeLe micorrize (l'associazione simbiotica tra pianta e fungo) sono presenti naturalmente nei vivai tradizionali. Di solito si tratta di funghi che non hanno alcun interesse per l'ulteriore sviluppo delle piante. Anche nelle foreste le micorrize sono abbondanti e necessarie per la corretta crescita degli alberi. Ma scompaiono molto rapidamente, solo da 1 a 2 anni dopo un taglio netto.

D'altra parte, le micorrize sono totalmente assenti dai terreni ex agricoli e dai siti disturbati (strade, autostrade, miniere, cave, rifiuti industriali). In queste condizioni, le piante tradizionali mostrano i loro limiti e possono incontrare enormi problemi di recupero e crescita.

Per questo motivo Robin Nurseries ha sviluppato la micorrizazione controllata, sotto licenza e controllo dell'INRAE, che migliora le prestazioni delle giovani piante e aumenta notevolmente il loro tasso di recupero in condizioni difficili.

Gli interessi e il ruolo della micorrizazione controllata sono molteplici, e si possono scoprire in modo semplice e dettagliato attraverso il diagramma sottostante.

Come avrete sicuramente capito, i principali vantaggi delle piante micorizzate risiedono nel :

  • il loro tasso di recupero più elevato rispetto a quello delle piante convenzionali (si osservano meno fallimenti di impianto),
  • la loro crescita più regolare e rapida,
  • la loro capacità di affrontare terreni poveri o difficili,
  • migliore resistenza alla siccità

In sintesi, l'uso della micorrizazione controllata sviluppa la rete radicale delle piante, garantisce una migliore resistenza alla siccità e alle malattie e di conseguenza genera un raccolto migliore (più radici, fiori e frutti).

Vivai Robin, leader nella micorrizazione controllata

ROBIN Nurseries è oggi leader nella ricerca e nell'innovazione nel campo della micorrizazione. Il loro lavoro su questo tema è iniziato negli anni '60 e nel 1998 hanno ricevuto il premio Life Sciences per il loro lavoro di ricerca e sviluppo sulla micorrizazione controllata.

Questo lavoro ci permette di essere l'unico vivaio in Europa in grado di padroneggiare tutte le fasi di produzione e controllo di piante micorizzate con diversi funghi su un'ampia gamma di specie ospiti per diversi tipi di utilizzo (tartufaia, coltivazione di funghi, rimboschimento, rivegetazione in ambienti difficili, ecc).

Rivolgersi a Robin Nurseries significa beneficiare di entrambe le :

Il laboratorio di micorrizazione Robin

Dal 1990, ROBIN Nurseries ha scelto deliberatamente di sviluppare la micorrizazione controllata all'interno del proprio laboratorio. La ricerca e lo sviluppo sono proseguiti per molti anni con il costante desiderio di innovare e migliorare la qualità delle proprie produzioni.

L'attività del nostro laboratorio di micorrizazione controllata comprende molteplici fasi, dall'isolamento dei ceppi al controllo finale delle piante micorrizate prima della loro spedizione.

Micorrizazione controllata nel laboratorio di Robin VivaiIsolamento di spore di tartufo bianco, una delle fasi della micorrizazione delle piante di tartufoControllo finale di una pianta micorrizica in laboratorioInnovazione e rigore guidano i ricercatori e i laboratori della Robin Nurseries nello sviluppo della micorrizazione controllata.
(Fare clic sulle immagini per ingrandirle)

Va sottolineato che lo sviluppo della micorrizazione controllata è stato condotto nell'ambito di programmi europei, con l'aiuto dell'ANVAR e in collaborazione con :

  • INRAE
  • CEMAGREF
  • il CNRS di Nancy
  • l'Università di Diepenbeck (Belgio)
  • l'Università di Colonia (Germania)
  • l'Università di Cracovia (Polonia)
  • l'Università di Kiev (Ucraina)
  • l'Università di Budapest (Ungheria)
  • IPLA (Istituto della Regione Piemonte, Italia)

Perché acquistare una pianta da tartufo con micorrizazione controllata ?

Ci sono molti motivi per investire in piante da tartufo da micorrizazione controllata. I tartufi più belli, soprattutto il Tuber melanosporum e il Tuber magnatum, sono sempre molto richiesti. Di conseguenza, il loro prezzo di vendita è elevato. La messa a dimora di piante di tartufo micorriziche è quindi un vero e proprio investimento per il futuro.

A condizione, però, di piantare alberi di qualità, micorrizzati e controllati con funghi anch'essi ineccepibili e secondo un metodo scientifico provato e controllato, attuato in un laboratorio di micorrizazione controllata. Questo è ciò che vi offre ROBIN Nurseries, leader mondiale nella produzione di piante da tartufo micorrizate.

Infatti, grazie ai progressi della micorrizazione controllata, oggi è possibile coltivare i tartufi. Piantando piante di tartufo micorizzate con una particolare varietà di funghi, potrete raccogliere i primi tartufi entro pochi anni.

Si noti che dopo la micorrizazione, diverse specie sono idonee alla coltivazione del tartufo :

Qual è il prezzo di una pianta di tartufo micorrizica ?

Il prezzo di una quercia da tartufo dipende da vari criteri :

  • la sua età, il suo stadio di crescita: le piante di tartufo ROBIN hanno 1, 2 o 3 anni di età
  • la sua presentazione: le piante di tartufo ROBIN sono prodotte nelle nostre tazze ROBIN ANTI-CHIGNON® di diversi volumi: 0,43 L; 0,6 L; 1,5L. L'interesse di una pianta allevata in una tazza di volume maggiore è principalmente quello di avere un apparato radicale più sviluppato con un maggior numero di apici radicali e quindi un maggior numero di micorrize, da cui l'interesse della micorrizazione controllata.
  • la varietà di tartufo con cui è micorrizato: tartufo nero del Périgord, tartufo bianco, tartufo di Borgogna, tartufo estivo

Le nostre piante da tartufo sono vendute singolarmente. È possibile beneficiare di uno sconto in base alla quantità scelta. Per massimizzare il ritorno dell'investimento, chiedete consiglio ai nostri esperti di tartufi. Vi aiuteranno a scegliere la pianta di quercia da tartufo più adatta alle condizioni del vostro terreno e alla natura del suolo.