Volete iniziare a coltivare funghi commestibili?

Dove e come coltivare funghi ?

Sapevate che gli amanti dei funghi possono ora coltivare boleti gialli, fungi rositi e sanguinelli? E sì, la fungicoltura è in continuo progresso, tanto che grazie al processo di micorrizazione controllata è oggi possibile piantare alberi forestali (soprattutto pini) adatti allo sviluppo di funghi commestibili. Come procedere? Da quali piante? Che rendimento posso aspettarmi? Quale varietà di funghi produrre? Tante domande a cui cercheremo di rispondere attraverso questa scheda di consulenza dedicata alla coltivazione dei funghi nei frutteti.

Sotto gli alberi crescono funghi (boleti gialli, rositi e sanguinelli)

Dimenticatevi di cercare funghi, passate a coltivare funghi nel frutteto!Da qualche anno, in tutta la Francia stanno sorgendo frutteti piuttosto insoliti: non coltivano frutta, ma funghi! Va detto che la creazione di queste piantagioni di funghi è diventata più diffusa da quando sono stati sviluppati e commercializzati alberi micorrizici controllati sotto i quali crescono boleti gialli, roseti o sanguinelli.

Questa tecnica, sviluppata congiuntamente da Robin Nurseries e dall'INRAE (Istituto Nazionale di Ricerca per l'Agricoltura e l'Ambiente), consiste nel pre-seminare le giovani piantine di alberi (in questo caso pini) con il micelio di boleti gialli e lactarius. Perché? Perché i boleti, proprio come il lactarius, sono funghi che vivono in simbiosi con le radici degli alberi: i filamenti miceliali dei funghi apportano sali minerali agli alberi, che forniscono la materia organica necessaria alla crescita delle lattarie o di boleti.

Il risultato di questa pre-semina (detta anche micorrizazione) è costituito da giovani piante di pino (pino nero d'Austria, pino silvestre, pino a ombrello o pino marittimo) in grado di promuovere e accelerare la comparsa e la crescita di funghi in prossimità dei loro tronchi. Così come si pianta un melo per raccogliere le mele, ora si può piantare un pino per raccogliere i boleti o i latteri !

Il segreto di una buona produzione: scegliere piante da fungo di alta qualità

I fungicoltori e i micologi lo sanno bene: La coltivazione di funghi commestibili richiede l'uso di piante ospiti accuratamente selezionate. Per questo motivo le piante di fungo ROBIN sono prodotte nel nostro vivaio, utilizzando tecniche sviluppate nell'ambito del nostro sistema di organizzazione della qualità e su licenza dell'INRAE (Institut National de Recherche pour l'Agriculture et l'Environnement). La micorrizazione delle nostre PLANTS CHAMPIGNON® è quindi controllata e certificata dall'INRAE. È solo dopo questa catena di controllo che le nostre piante vengono etichettate, numerate, marchiate d'epoca e consegnate. Il rigore di questi controlli ci permette di garantire ai nostri clienti : 

  • una micorrizazione garantita e certificata con diverse specie di funghi selezionati,
  • un alto livello di micorrizazione,
  • purezza della micorrizazione: assenza di contaminanti nell'apparato radicale che possano competere o ostacolare lo sviluppo dei funghi.

Possiamo garantire che con PIANTE DI FUNGHI ROBIN® avrete tutto ciò che vi serve per una coltivazione di funghi di successo.

Per soddisfare le diverse esigenze dei nostri clienti, offriamo una gamma completa di alberi da fungo con micorrizazione controllata di vari funghi commestibili su diverse specie di pino (Pinus): Pino nero austriaco, pino silvestre, pino a ombrello e pino marittimo. Con PIANTE DI FUNGHI ROBIN® è possibile coltivare i seguenti funghi :

  

Coltivazione di roseti attraverso i pini micorrizici

Il roseto (Lactarius deliciosus) è un fungo commestibile della famiglia delle russulacee. Sebbene non sia così saporito come il sanguinello, è comunque particolarmente apprezzato nel Sud-Est ed è ampiamente utilizzato nella gastronomia provenzale (dove viene talvolta chiamato "barigoule", "safrané" o "catalano"). Cresce nei boschi di conifere e più precisamente ai piedi dei pini. Si raccoglie in settembre-ottobre, in una fase ancora giovane, quando il cappello e le lamelle sono ancora orientati verso il basso e la polpa è soda e carnosa.

Il roseto

Produzione di sanguinelli a partire da pini micorrizzati

Anche il sanguinello (Lactarius sanguifluus) fa parte della famiglia dei funghi russulacei. Si riconosce per il cappello di colore da arancione a bruno-rossastro, per le lamelle rosate e per il lattice rosso che si sprigiona quando viene tagliato. Il sanguinello può essere raccolto dalla fine dell'estate all'autunno inoltrato. A volte cresce isolata, ma più spesso in gruppi sotto le conifere (soprattutto pini). Più saporito del roseto, può essere cucinato marinato o stufato.

Il sanguinello

Produzione fungina di boleti gialli da pini micorrizzati

Fungo della famiglia delle Boletaceae, il boleto giallo (Suillus luteus) cresce più spesso in gruppi di pochi individui sparsi, sotto le pinete di pianura e di montagna. Si riconosce per la sua carne giallo pallido, inodore, piuttosto morbida e spugnosa nel cappello. Non ha anelli o lamelle, ma la parte inferiore del cappello è piena di pori. Si raccoglie dall'inizio dell'estate alla fine dell'autunno.

Il boleto giallo

  
Le PIANTE DI
FUNGHI ROBIN® sono disponibili nei secchi ROBIN ANTI-CHIGNON® in 2 diverse dimensioni: GR 430 cm3 e GR 600 cm3. Queste coppe brevettate consentono uno sviluppo ottimale delle radici, con una zolla molto abbondante e priva di malformazioni, grazie al processo integrale di auto-incisione. Questo è molto importante per la buona crescita delle piante e delle micorrize.

Quando la ricerca di funghi si trasforma in un reale raccolto

La coltivazione di funghi commestibili in un frutteto può essere un investimento redditizio, sostenibile e rispettoso dell'ambiente. In effetti, i roseti, sanguinelli e i boleti prosperano su alberi giovani (a differenza del porcino, che generalmente cresce sotto alberi di diversi decenni). Pertanto, la produzione di funghi nel frutteto può iniziare solo 3 o 4 anni dopo l'impianto dei pini micorrizati.

In termini di resa, aspettatevi una produzione media di funghi di circa :

  • 400 g per pianta per li roseti e sanguinelli (cioè tra 170 e 450 kg per ettaro all'anno, a seconda della densità di impianto)
  • da 1,7 a 3 kg per pianta per il boleto giallo (cioè da 1 a 3 tonnellate per ettaro all'anno, a seconda della densità di impianto)

Visti questi rendimenti, si capisce perché non si parla più di ricerca pericolosa, ma di raccolta di funghi !

Coltivazione e raccolta dei funghi in immagini...

Il piacere e la soddisfazione di vedere la propria piantagione di funghi produrre bellissimi boleti o latteri...

Selezione di piante di pino micorrizate per la produzione di funghi commestibili (boleti o latteri)Piantare un frutteto di funghi da piantine di pinoBoletto giallo ottenuto da una pianta di funghiUn bel raccolto di boleti gialli in prospettiva

Un bel giro di boleti gialli, molto promettenteI primi sanguinelli della stagione...La raccolta dei funghi laterri può iniziareProduzione e raccolta di funghi commestibili (in questo caso, latteri)
(Cliccare sulle immagini per ingrandirle)

Domande e risposte sulla coltivazione dei funghi commestibili

La stagione dei boleti inizia dopo le prime forti piogge estive e prosegue fino a novembre. Di solito si trovano nelle foreste di conifere. Il boletus ama i terreni sabbiosi e calcarei e ama i luoghi ariosi, come i margini dei boschi, le radure e i bordi delle strade. Questa specie micorrizica vive in simbiosi con le radici degli alberi, motivo per cui si trova spesso nelle immediate vicinanze dei pini.

Li latteri (reseti o sanguinelli) crescono principalmente nelle foreste di conifere (boschi di pini, abeti o abeti rossi). Si raccolgono dalla fine dell'estate all'inizio dell'inverno, raramente al di sopra dei 1500 metri di altitudine, su terreni calcarei.

La micorrizazione controllata per la micologia viene effettuata soprattutto sui pini. È quindi possibile coltivare li boleti o li latteri dal pino silvestre, dal pino a ombrello, dal pino marittimo o persino dal pino nero austriaco.

Il prezzo di una pianta di funghi micorrizici è di circa 21 € per unità. Il prezzo può variare leggermente a seconda della specie ospite della pianta scelta (pino silvestre, pino marittimo, ecc.) e del volume del contenitore. Si noti che questi prezzi sono decrescenti in base al numero di piante ordinate.

Un albero da fungo inizia a produrre 3 o 4 anni dopo l'impianto. A seconda della specie, della densità di impianto e della cura del frutteto, la produzione può raggiungere i 3 chili di funghi per pianta (cioè fino a 3 tonnellate per ettaro all'anno).

Solo dopo 3 o 4 anni dall'impianto, i funghi produrranno i primi lettari o boleti gialli. Da quel momento in poi, vi forniranno un raccolto all'anno.

Le piante da fungo si trovano in vivai specializzati come ROBIN Viva. Se abitate vicino ai nostri punti vendita (reparti 04 e 05), non esitate a venirci a trovare, potrete beneficiare di preziosi consigli prima di iniziare. Altrimenti, potete acquistare le vostre piante di funghi direttamente online, tramite questo sito. Saranno consegnati a casa vostra !