Raccolta delle domande più comuni sulla coltivazione dei tartufi

Domande e risposte sulla tartuficoltura

La scelta delle piante da tartufo, la varietà di tartufo da coltivare, il metodo di piantagione, la cura della tartufaia: tutti questi argomenti sollevano molte domande sia da parte dei tartufai alle prime armi che di quelli esperti. Ad ogni domanda la sua risposta! Trovate le domande più frequenti sulla coltivazione dei tartufi, le risposte e i consigli dei professionisti di Robin Vivai (specialista in piante da tartufo).

Domande e risposte sulle piante da tartufo

Età, dimensioni, specie, conservazione... Tutte le domande/risposte sulla scelta delle vostre piante da tartufo...

La scelta della specie di tartufo più adatta al vostro progetto deve essere fatta in base alle caratteristiche del vostro terreno, ma anche alle condizioni climatiche della vostra regione. L'altitudine, l'orientamento, le precipitazioni, il gelo, la natura del terreno sono tutti parametri da tenere in considerazione per scegliere la varietà di tartufo che si svilupperà meglio nel vostro appezzamento. Non esitate a consultare la nostra "Guida pratica per tartuficoltori" per valutare al meglio il vostro progetto e scegliere la giusta varietà di tartufo.

Per vostra informazione, Robin Nurseries offre piante da tartufo adatte alla produzione delle quattro specie di tartufo (nero, bianco, di Borgogna e estivo). Potete trovare le rispettive caratteristiche nella nostra sezione "Coltivazione di tartufi".

Per aiutarvi a scegliere il secchio giusto, ricordate semplicemente che il contenuto si svilupperà in proporzione al contenitore. In altre parole, maggiore è il volume del contenitore, maggiore sarà lo sviluppo delle radici delle piante. Anche il numero di apici radicali e di spore sarà maggiore. In poche parole: una pianta di tartufo allevata in una tazza di grande volume avrà un potenziale migliore.

Per la cronaca, le piante di tartufo ROBIN® sono prodotte in secchi ANTI-CHIGNON® di 4 volumi diversi:
- R430 con un volume di 430 cm3
- il secchio R600 con un volume di 600 cm3
- il secchio R1,5L con un volume di 1,5 litri
- il secchio R3L con un volume di 3 litri.

Quando si tratta di scegliere una specie per le vostre piante da tartufo, la regola d'oro è quella di copiare la natura. Infatti, vi consigliamo di scegliere una specie arborea adatta alla vostra regione, cioè una specie che già cresce naturalmente nel vostro dipartimento e soprattutto di evitare di scegliere una specie che non sia naturalmente presente nelle vicinanze della futura piantagione.

Le piante di tartufo prodotte e commercializzate dai Vivai ROBIN® hanno 1 o 2 anni di età in tazze da 0,430 l, 0,6 l e 1,5 l. Hanno 3 anni quando vengono offerti in tazze da 3 litri.

Le piante di tartufo ROBIN®, come tutte le nostre giovani piante coltivate in vasi ANTI-CHIGNON®, sono garantite per la guarigione. Garantiamo un tasso di recupero del 100% (vedi le condizioni della nostra garanzia qui).

Le piante di tartufo ROBIN® sono prodotte sotto licenza e controllo dell'INRAE. Ogni lotto di piante di tartufo viene controllato dal signor Claude MURAT, dell'INRAE di Nancy, su un campione di piante prelevate direttamente dal vivaio. Questo controllo, basato su specifiche molto rigorose, consente di approvare lotti di piante con un livello di micorrizazione molto elevato. I lotti di piante che saranno commercializzati dopo questo controllo sono classificati come Elite o Excellence.

Le piante di tartufo possono essere trovate e acquistate in vivai specializzati come ROBIN Vivai. Se abitate vicino ai nostri punti vendita (reparti 04 e 05), non esitate a venirci a trovare, potrete beneficiare di preziosi consigli prima di iniziare. Altrimenti, potete acquistare le vostre piante da tartufo direttamente online, tramite questo sito. Saranno consegnati a casa vostra !

FAQ sulla consegna degli alberi da tartufo Robin

Tempi e modalità di consegna, condizioni di stoccaggio... Tutte le domande/risposte relative alla logistica della consegna degli alberi da tartufo...

Tutte le nostre piante da tartufo vengono consegnate entro 7-10 giorni lavorativi, a seconda del corriere scelto. Per le consegne all'estero (al di fuori della Francia metropolitana), le spese di spedizione sono stabilite in base alla destinazione e al clima della stagione di consegna.

A seconda del volume e del peso dell'ordine, la spedizione avviene per posta o su pallet tramite corriere. Ordini di oltre 100 piante vengono consegnati dai nostri camion, direttamente a casa vostra su appuntamento.

Le piante possono essere conservate per diversi giorni, o addirittura per diverse settimane, prima di essere piantate, poiché vengono consegnate nella loro coppa ROBIN ANTI-CHIGNON®, che preserva la freschezza dell'apparato radicale. Ma dovrete prendere delle precauzioni: innaffiatele regolarmente ogni 2-3 giorni in attesa della messa a dimora e tenetele all'esterno al riparo dal gelo e dal vento.

Le vostre domande sull'impianto e la manutenzione delle tartufaie

Una volta che le piante di tartufo sono nel terreno, l'avventura della tartuficoltura è appena iniziata... Ecco alcune risposte alle domande più frequenti sulla semina, l'irrigazione e la manutenzione delle tartufaie.

No, questo non è consigliato:
- Ogni specie di tartufo ha esigenze proprie, il terreno favorevole a una specie (ad esempio, Tuber uncinatum) non è necessariamente favorevole a un'altra varietà di tartufo.
- Se si desidera piantare piante di tartufo micorriziche con specie di tartufo diverse, è necessario mantenere una distanza minima di 15-20 metri tra le due piantagioni.

No. Se volete piantare una tartufaia, dovete farlo su un terreno dove non ci sono alberi ectomicorrizici. Pertanto, sconsigliamo vivamente di piantare piantine di tartufo micorriziche in un bosco esistente. In caso contrario, le radici delle giovani piante saranno rapidamente colonizzate dalle micorrize già presenti sulle radici degli alberi circostanti (che ostacoleranno lo sviluppo delle micorrize tartufigene presenti sulle giovani piante di tartufo appena piantate). 

L'irrigazione è fondamentale: si consiglia di annaffiare al momento dell'impianto e poi una volta ogni 2 o 3 settimane in assenza di pioggia, da maggio a settembre, con un apporto di 15-20 litri per pianta per garantire che le piante prendano bene.

No, consigliamo di non aggiungere materia organica, pacciame o altri materiali senza aver prima analizzato il terreno. Questa aggiunta "casuale" potrebbe essere controproducente e ostacolare lo sviluppo dei tartufi.

Se alcune delle vostre piante da tartufo non si sono riprese entro 15 giorni, le sostituiremo.

Zappettare e diserbare 2 o 3 volte in primavera e in estate per evitare che le giovani piante di tartufo ROBIN® siano invase dalle erbe infestanti e per favorire il corretto sviluppo dell'area "bruciata".

Si consiglia di annaffiare al momento dell'impianto e poi una volta ogni 2 o 3 settimane in assenza di pioggia, da maggio a settembre, con un apporto di 15-20 litri per pianta per garantire la buona ripresa delle piante.
Negli anni successivi è opportuno continuare a irrigare, preferibilmente con un sistema di microirrigazione che copra 2m² intorno a ogni pianta. Non utilizzare mai un sistema a goccia.

Per il Tuber melanosporum, la prima raccolta può essere effettuata a partire dal 5° anno dalla semina e in media i primi tartufi vengono raccolti tra i 5 e gli 8 anni dalla semina.
Per trovare i tartufi, è ovviamente necessario cercarli almeno una volta ogni due settimane durante la stagione di raccolta.
Va notato che per il Tuber Uncinatum e il Tuber Aestivum il primo raccolto è generalmente un po' più lungo e avviene a partire dal 6° o 7° anno.

E il tartufo bianco? FAQ sulla produzione del Tuber Magnatum

La regina dei tartufi sta gradualmente svelando i suoi misteri, tanto che ora è possibile produrla da piante tartufigene appositamente micorizzate (un'esclusiva di Pépinières Robin).

I terreni devono essere filtranti, non asfittici, ben drenati e quindi avere un'elevata porosità, pur consentendo una buona umidità in tutte le stagioni. Da un punto di vista chimico, i requisiti di T. magnatum sono simili a quelli di T. melanosporum.
Il calcare è un elemento essenziale. In genere, il calcare totale è superiore al 10% e il calcare attivo al 2%. Il pH dovrebbe essere idealmente compreso tra 7,5 e 8,5.

In sintesi, i punti chiave per la scelta di un terreno adatto sono
- assenza di calcoli
- pH superiore a 7,5 (presenza di calcare attivo)
- buona aerazione (sufficiente macroporosità)
- buon drenaggio
- umidità costante (soprattutto in estate) (ad es. vicino a un fiume)

Tuttavia, per essere certi delle buone condizioni del vostro terreno, vi consigliamo di far eseguire un'analisi del suolo e del clima.

Ogni tartufo utilizzato per inoculare le nostre piante da tartufo viene controllato al microscopio per verificare le caratteristiche delle spore, poi con l'analisi biomolecolare dell'INRAE. Il 100% delle piante viene controllato singolarmente prima di essere commercializzato.
Prima sotto una lente di ingrandimento binoculare da parte dei tecnici del vivaio ROBIN che verificano la presenza del tartufo sull'apparato radicale in base alle caratteristiche morfologiche. Poi da esperti dell'INRAE che, dopo l'osservazione con una lente d'ingrandimento binoculare, prelevano un campione di micorriza da ogni pianta controllata dai Vivai ROBIN per verificarne il DNA mediante analisi biomolecolare.

Questo doppio controllo ci permette di garantire ai nostri clienti che le piante da tartufo ROBIN® sono effettivamente micorrizate con Tuber magnatum..

Il tartufo bianco (Tuber Magnatum) viene raccolto da settembre a dicembre.

Per il tartufo bianco, la prima raccolta può essere effettuata a partire dal 4° anno successivo alla piantagione, periodo dopo il quale abbiamo avuto il primo tartufo bianco in una piantagione della Nuova Aquitania.

Il prezzo di una pianta di tartufo micorrizata con tuber magnatum varia da 99 € a 136 € TTC a seconda del numero di piante ordinate..

Il prezzo all'ingrosso del tartufo bianco italiano può variare da 2.500 a 5.000 euro al kg, a seconda del volume di produzione immesso sul mercato.